Le Primarie a Concorezzo – Dove e quando

Il 30 aprile è la data in cui in tutta Italia si svolgeranno le Primarie aperte per eleggere il segretario del Partito Democratico.

Come sempre, anche Concorezzo avrà il suo seggio. Dalle 8 alle 20 sarà possibile votare in Sala di Rappresentanza, Piazza della Pace 2, di fronte all’ingresso dell’URP. Sarà necessario munirsi di documento di identità in corso di validità e della tessera elettorale.

Fino alle ore 12 di giovedì 27 aprile sono aperte le registrazioni online, che sono obbligatorie per coloro che si troveranno fuori dalla loro provincia di residenza il 30 aprile e vorranno partecipare alle Primarie, i giovani tra i 16 anni compiuti e i 18 anni e i cittadini dell’Unione Europea residenti in Italia e i cittadini di altri Paesi in possesso di regolare permesso di soggiorno o della ricevuta della richiesta di rinnovo del permesso di soggiorno. Per tutti gli altri, la registrazione è facoltativa e serve semplicemente a velocizzare le operazioni al seggio.

Per maggiori informazioni, è online il sito ufficiale delle Primarie 2017.

2017: nodi che vengono al pettine

A marzo in Consiglio Comunale la maggioranza ha approvato il Bilancio di previsione 2017-2019 e il Documento Unico di Programmazione, che illustra ciò che l’Amministrazione intende portare avanti quanto a servizi e proposta politica. Abbiamo portato alcune osservazioni, sottolineando come idee di inizio mandato che potevano introdurre novità interessanti non si siano realizzate. Qualche esempio: l’individuazione, tra gli eletti, di una figura che intercettasse bandi (anche piccoli, diciamo noi, non necessariamente su Lavori Pubblici o simili); la piantumazione di un albero per ogni nuovo nato, indicata come progetto che non si realizzerà, salvo poi sentire dall’assessore Pomari che non è detta l’ultima parola (smentendo quanto deliberato); le pari opportunità relegate a delega vuota (ma fa piacere sapere che ogni anno la consigliera Panceri partecipa a un convegno che la arricchisce molto, di cui la cittadinanza non ha notizia); percorsi formativi per le associazioni che… si dovranno svolgere internamente alle stesse.

Resta aperto il tema della RSA: da gennaio 2018, il Comune corrisponderà un canone d’affitto alla Parrocchia per l’uso di Villa Teruzzi, che non è più di proprietà dell’Amministrazione. Della nuova RSA (progetto da noi mai condiviso) ancora nessuna notizia. Vorremmo credere all’ottimismo del Sindaco che parla di tempi celeri e di più di un proponente interessato, ma dopo lo stralcio del precedente progetto risulta difficile. La permuta a monte di tutta la vicenda si dimostra ancora una volta una scelta incosciente.

Capitolo piscina. A maggio sapremo chi sarà il nuovo gestore per i prossimi 5 anni. Ne saranno trascorsi quasi due dalla chiusura definitiva, e speriamo davvero che la previsione di vederla di nuovo aperta a settembre, dopo tutti i controlli necessari, si realizzi. È però doveroso ricordare che l’Amministrazione non ha “deciso di farsi carico direttamente della riqualificazione”, per citare il commento semplicistico di un noto portale online cittadino. L’Amministrazione ha potuto avvalersi di fondi fino al 2015 non utilizzabili perché vincolati dal patto di stabilità, e lo ha potuto fare grazie a uno spazio lasciato dal Governo a tutti i Comuni.

Ultimo capitolo: l’ufficio stampa. Dopo che Fabio Ghezzi, che ne aveva l’incarico, è diventato assessore all’Urbanistica, il ruolo è risultato vuoto per mesi, e ora l’assessora Zaninelli se n’è assunta la responsabilità. Insomma, vien da chiedersi se non fosse un “servizio in salsa leghista”

Verso il Congresso: primi appuntamenti sul territorio di Monza e Brianza

Nel Partito Democratico si è ormai aperta la nuova fase congressuale. Anche nel territorio di Monza e Brianza stanno partendo le prime iniziative, che a mano a mano segnaleremo anche in questo sito.

In particolare, domenica 19 marzo a Monza si svolgeranno due incontri promossi dai comitati a sostegno delle candidature di Andrea Orlando e Matteo Renzi alla segreteria del partito.

Eccoli di seguito:
alle ore 10.00 presso la sala D dell’Urban Center – Binario 7 di Monza (via Turati 8), verrà presentata pubblicamente la mozione a sostegno della candidatura di Andrea Orlando. A questo link l’evento Facebook dell’iniziativa.

– alle ore 18.00 presso la sala E dell’Urban Center – Binario 7 di Monza con Maurizio Martina, a sostegno della mozione Renzi.

A questo link è possibile scaricare le mozioni dei tre candidati alla segreteria nazionale.

Buon lavoro a tutti noi!

Matteo Renzi a Monza domenica 27/11

Domenica 27 novembre il segretario nazionale del Partito Democratico e premier, Matteo Renzi, parteciperà a Monza alla chiusura della campagna referendaria per il Sì nei nostri territori.

L’appuntamento è alle 16.30 presso l’Urban Center del teatro Binario 7, in via Turati 6 (zona stazione).

matteorenzi_monza_locandina_referendum

Area Frette: l'(amaro) epilogo

Banner Gruppo PD

area_fretteÈ arrivato il momento di chiudere, o meglio aprire il sipario sulla ex Area Frette. A Concorezzo nei prossimi anni le cose cambieranno, con l’arrivo di un’area commerciale di 3800 mq di superficie lorda, che tra le altre cose prevede l’apertura di un McDrive in tempi brevi, a cui si aggiungono 25.000 mq di edilizia residenziale. Il tutto è stato presentato in Commissione Urbanistica a metà settembre e in un’assemblea pubblica molto poco pubblicizzata a fine ottobre. “Presentato” è la parola giusta: gli acquirenti della parte commerciale ci sono già, dunque la possibilità di cambiare il progetto in modo significativo non c’è. La volontà politica nemmeno. E la Lega Nord sta già lanciando la campagna a sostegno dell’intera operazione, lieta di poter avere finalmente le sue ruspe. E probabilmente il peggior scenario urbano immaginabile.

Se gli ambienti residenziali dell’area saranno confermati, infatti, insieme al comparto 1 di via Kennedy sbloccato di recente si potrebbe arrivare a un aumento di quasi 1000 abitanti. Con quali infrastrutture ad accoglierli nel caso? Aspettiamo di vedere la variante di PGT a cui sta lavorando il neo assessore leghista Fabio Ghezzi, che pare essersi preso molto a cuore il nuovo incarico.

L’Amministrazione Borgonovo da anni va fiera di aver pressoché azzerato il ricorso agli oneri di urbanizzazione. Peccato avesse accettato, alla fine del 2010, 1 milione di euro dai proprietari dell’Area Frette, a fronte di nessun progetto preciso, azzerando di conseguenza ogni possibilità di contrattazione, pena il rischio di dover restituire i soldi incassati mandando a gambe all’aria il Comune di Concorezzo. Il progetto, poi, è cambiato svariate volte rispetto al Piano Integrato di Intervento, e appare sempre più nebuloso l’utilizzo della “stecca storica”.

Il sindaco Borgonovo ha detto più volte che è il mercato a determinare il PGT. E con 1 milione di euro incassato è sempre più vero e grave. Segno di una estrema superficialità nel valutare l’impatto delle proprie scelte amministrative e politiche, come testimonia l’“affare nuova RSA”, rispetto al quale, indipendentemente dai freni degli ultimi mesi, l’Amministrazione non ha rispettato nemmeno uno dei termini che si era data.

Altro aspetto da non sottovalutare sarà l’impatto delle nuove attività sul tessuto commerciale esistente. Strano che da parte dei commercianti del centro cittadino (che proprio nella capogruppo di maggioranza Della Bosca vedono un loro rappresentante) non sia arrivata la levata di scudi contro della decisione della Giunta. Assessore, sindaco e maggioranza si mostrano convinti e compatti, ma è evidente che l’obiettivo è quello di riuscire a far digerire alla cittadinanza un’operazione che potrà avere grandi ripercussioni sul commercio di vicinato concorezzese e sulla viabilità (in un Milanino già fortemente penalizzato dalle scelte dell’Amministrazione Borgonovo degli ultimi due anni).

Faremo quello che è nelle nostre possibilità di gruppo di opposizione per sottolineare le criticità dell’operazione, ma i giochi appaiono ormai fatti.

“Che assemblea pubblica sarebbe se informassimo i cittadini?”

Sul sito del Comune di Concorezzo appare solo oggi la notizia che mercoledì 26 ottobre 2016 alle ore 21 presso la Sala di Rappresentanza, Piazza della Pace 2, si terrà un’assemblea pubblica nella quale verrà presentata la proposta di recupero e riqualificazione urbanistica della ex Area Frette. Sfidiamo qualunque cittadino che non ne fosse già informato o non la cercasse di proposito a trovare la notizia in homepage. Eppure c’è… Forse dovremmo intuirlo dall’omino col megafono. Comunque sia, vale la pena confrontarne la totale assenza di chiarezza con il risalto (giustamente) garantito a data e ora della Commissione Lavori Pubblici prevista per il giorno successivo.
Naturalmente il nostro circolo invita la cittadinanza a partecipare.